Identità Mutanti
Il fusto di una pianta ormai senza vita e le sue radici, un’identità che non c’è più. Partendo da questa realtà fisica e dalla mia identità come persona profondamente sensibile alla bellezza e dalla sensazione di rifugio che provoca in me tutte le componenti vegetali della natura (alberi, fiori, piante...).
La sognatrice, Laetitia Autrand, mostra pittura a Milano,
16425
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-16425,bridge-core-3.0.4,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,boxed,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,footer_responsive_adv,qode-theme-ver-29.0,qode-theme-bridge,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-6.9.0,vc_responsive

About This Project

Identità Mutanti

dal 9 al 20 Maggio 2022

ASSOCIAZIONE CIRCUITI DINAMICI

Via Giovanola, 19 – Milano

 

Laetitia Autrand,

Breve considerazione sull’idea

 

Il fusto di una pianta ormai senza vita e le sue radici, un’identità che non c’è più.

Partendo da questa realtà fisica e dalla mia identità come persona profondamente sensibile alla bellezza e dalla sensazione di rifugio che provoca in me tutte le componenti vegetali della natura (alberi, fiori, piante…).

Nell’ osservare questo elemento ormai senza vita, si è verificato nella mia mente uno scambio di identità, una mutazione e un tentativo di trasformare questa identità vegetale senza vita ad un’altra identità viva sotto delle forme astrattamente umane.

La pianta che paragonerei ad un albero è stata rovesciata trasformandosi in un’altra identità.

Le radici diventano una testa, filamenti che ricordano il cervello umano e il fusto dell’albero prende la forma di un corpo. La doppia sinuosità di questo tronco ricorda un corpo femminile con le sue curve.

L’albero si è mutato in una donna.

E ormai dimostrato che le piante reagiscono a tanti stimoli.

Che sono sensibili ad un dolore, che hanno una memoria e che hanno una vita sociale sono dei genitori-alberi che vivono con i loro figli…

 

Con questo pensiero sono dunque partita da questa “Radice”, che diventa un testimone, legno, 50x200cm, per eseguire su telo una composizione ad olio: “La sognatrice”, 80×200 cm.

Dalla radice alla sognatrice c’è una bella strada da percorrere.

Category
2022
Tags
Associazione Circuiti Dinamici, Laetitia Autrand